casalinghe porno

Casalinghe alla riscossa nel porno

La figura della casalinga, forse, è una di quelle maggiormente enfatizzate nel porno, insieme naturalmente a quella dell’infermiera e dell’insegnante.

Se per questi ultimi due ruoli è relativamente semplice spiegarne il successo, in termini di sottomissione-dominanza nei confronti degli uomini e delle donne che assistono, all’interno di una concezione più o meno velatamente BDSM, la figura della casalinga sfugge un po’ a questa interpretazione aggressiva sullo spettatore e si inscrive in un diverso ambito del porno.

Chi governa il fuoco della casa?

La casalinga non è aggressiva, non domina, non sottomette, non costringe il proprio marito a sottomettersi al bull che si è fatta scegliere per se stessa da lui stesso. Le casalinghe non fanno nulla di tutto ciò. La casalinga sistema la casa, cura l’ingresso con tendine carine e colorate, prepara la cena, governa il fuoco domestico affinché non si spenga nemmeno nelle notti più fredde e ventose.

La casalinga è la donna della caverna che attende il proprio uomo in arrivo dalle giornate di caccia, che cura la prole e la protegge dalle malattie e dagli aggressori. La casalinga è la donna che aspetta il suo uomo a gambe aperte, curando l’ingresso della propria vagina nei dettagli, esattamente con la stessa cura con cui mette i centrini di pizzo sotto i ninnoli che distribuisce sui mobili. È la donna che si rende disponibile a tutte le pratiche sessuali che l’uomo desidera mettere in atto sul suo corpo, offrendogli orifizi, fessure, sporgenze e azioni al fine di ottenere dentro se stessa la massima espressione dalle sue vescicole seminali e generare la migliore prole.

La casalinga, forse, è soltanto questo: una donna dedita alla procreazione infinita, alla quale in realtà poco importa quale sia l’uomo che vive con lei, interessandosi soltanto alla sua qualità spermatica e alla bontà delle sue funzionalità copulatorie. Ecco cos’è questa figura domestica che ci gira attorno per casa in pattine, ciabatte e aspirapolvere.

Tuttavia, nell’età contemporanea, le funzioni procreative, in effetti, non sono poi così tanto ricercate come una volta e soprattutto come ai tempi delle caverne. Della figura della casalinga, pertanto, rimane una donna che ha perso la necessità impellente di generare figlioli, che non ne fa più una questione di vitale importanza, ma che volge il suo sguardo al sesso finalizzato al sesso.

Il porno pullula di casalinghe pronte a farsi scopare in ogni angolo della casa, anche nel più angusto e insidioso in fatto di igiene. La casalinga, paradossalmente, contravviene alle più basilari norme igieniche pur di godere e soddisfare i propri desideri perversi.

Digisesso pullula di casalinghe, classiche dal grembiulino nero e bianco, a quelle più sofisticate a seno scoperto e figa rasata, pronte a dare dimostrazioni filmiche di come si scopa veramente in una camera da letto o nel bagno, oppure su una lavatrice in piena centrifuga.

Il porno ama le casalinghe, perché loro amano rendere accogliente l’ingresso della loro abitazione.
Le casalinghe amano il porno, perché esso le valorizza per ciò che sono diventate: donne che hanno voglia di scopare.