leccare la figa

Il cunnilingus perfetto

Leccare la figa è un’arte. Leccatori di figa si nasce, non si diventa. Pronunciata questa massima potremmo chiudere in discorso, guardarci alcuni video porno italiani, e passare ad altro.

Tuttavia quando si parla di sesso e soprattutto di figa possiamo davvero dire che uno spiraglio, una via di uscita la si trova sempre, e in questo caso chiunque (uomo o donna), con un po’ di attenzione, calma e soprattutto pratica sul campo, può diventare un ottimo leccatore di vagine.

Chiarezza terminologica innanzitutto

Prima di tutto chiariamo i termini della trattazione. Con ‘cunnilingus’ si intende quella pratica sessuale consistente nella stimolazione della vulva, del clitoride e della vagina attraverso le labbra e la lingua. Il termine deriva dall’associazione delle parole latine ‘cunnus’, ovvero ‘vulva’, e ‘lingere’, cioè ‘leccare’.

Definiti i confini terminologici di una leccata di figa, ciascuno davanti a un genitale femminile a sua completa disposizione può iniziare a sperimentare ogni tipo di approccio, da quello più delicato a quello più aggressivo e intraprendente.

Il cunnilingus perfetto è sicuramente quello che permette alla donna di raggiungere la più elevata quota di piacere, e questo dipenderà sicuramente

  • dal grado di intimità esistente fra i partner,
  • dalle esperienze pregresse di cunnilingus ricevute,
  • dalle aspettative riferite alla stessa pratica, ovvero se è intesa come semplice preliminare o come leccata destinata a condurre all’orgasmo,
  • dal grado di collaborazione della donna stessa nel guidare, anche tacitamente, nel migliore dei modi i movimenti del partner,
  • dall’abilità e dalla funzionalità dei movimenti labiali e linguali di quest’ultimo.

Dettagli tecnici per una leccata di figa quasi perfetta

I video porno italiani presentano nei loro database migliaia di leccatori che si prestano al bisogno utilizzando posizioni e espedienti talvolta anche molto interessanti. Per qualunque dubbio sarebbe opportuno fare una breve ricerca e esaminare nei dettagli, magari insieme alla propria partner, almeno i passi cardine di questa pratica.

La posizione migliore dipenderà sicuramente da ciò che si vuole ottenere dalla donna. Ad esempio:

  • la posizione supina a gambe divaricate è sicuramente quella più rilassante per entrambe i ruoli, e consente il raggiungimento con relativa facilità di quasi tutte le zone della figa,
  • la posizione con lei seduta sulla bocca è sicuramente più impegnativa e richiede qualche sessione di pratica, tuttavia è la posizione ideale se si vuole ottenere una valida e profonda penetrazione linguale. Inoltre, è indicata in tutti quei casi in cui la donna abbia velleità di dominanza.

Una volta con la vagina davanti alla bocca, tutto sarà possibile. Forse il migliore movimento che si può compiere è quello eseguito con calma. La donna, soprattutto quando si tratta della propria figa, ama la calma.

Assunto questo assetto mentale, dopo potrete fare tutto ciò che desiderate:

  • Disegnare con la lingua le lettere dell’alfabeto sulla vulva,
  • Aiutarvi con le dita,
  • Utilizzare come lucidalabbra il clitoride,
  • Stimolare il clitoride da dentro, con il dito, mentre lo si lecca all’esterno,
  • Partire dal collo e raggiungere pianissimo le labbra e la vagina,
  • Accorpare alla leccata di figa anche la stimolazione e/o la penetrazione anale, in un unico grande movimento,
  • Trattenere il clitoride fra i denti e leccarlo con la punta della lingua,
  • Fare qualunque cosa possa fare godere la vostra partner sessuale, e questo potete capirlo soltanto voi osservando i suoi gesti e il suo respiro.